Cosa mangi prima quando arriva la #babacobox? Te lo dice Lisa Casali

Fare una buona spesa e scegliere prodotti come quelli di Babaco Market, che contribuiscono a ridurre gli sprechi di cibo è un ottimo primo passo per non sprecare ed essere più green. Ma come usare al meglio la propria spesa di frutta e verdura ed evitare che ottimi prodotti vadano sprecati perché non usati in tempo?

Cosa mangiare prima? Le carote o l’insalata? Il finocchio o gli spinaci?
Ecco 5 regole per pianificare al meglio l’uso della vostra spesa e della vostra #babacoBox

7 giorni
Pianificate per non sprecare

Per evitare che passino troppi giorni prima di utilizzare un alimento. Questa regola vale non solo per evitare che frutta e ortaggi si deteriorino ma anche che si impoveriscano nel loro contenuto di fitocomposti, in particolare vitamine.

Giorno 1 e 2
Prima di tutto gli ortaggi a foglia verde

Le insalate, bietola, cicoria, erbette, spinaci deperiscono rapidamente e per ogni giorno passato in frigorifero cala drasticamente il loro contenuto di folati (-70% in 3 giorni). L’acido folico o vitamina B9 è importantissima per il corretto funzionamento del sistema nervoso e per la produzione di nuove cellule. Insieme agli ortaggi a foglia verde meritano la massima priorità anche le foglie che solitamente scartiamo e che possono invece darci molte soddisfazioni come le foglie esterne del cavolfiore, le foglie dei ravanelli, quelle delle carote, delle rape, dei broccoli.
Per la frutta consuma come prime pesche, susine, uva che deteriorano molto rapidamente.

Giorno 3
Vai con le infiorescenze

Una volta esauriti gli ortaggi a foglia verde consumate, in ogni caso entro tre giorni, le infiorescenze come cavolfiore, broccoli, carciofi, asparagi e poi i pomodori. Come frutta consumate i cachi, l’avocado e il melone.

Giorno 4 e 5
Dai spazio a tutti gli altri ortaggi

Entro 5 giorni cerca invece di consumare gli ortaggi come melanzane, peperoni, fagiolini, ravanelli, finocchi, porri, zucchine, sedano, cetriolo.
Come frutta consuma il kiwi e la banana.

Giorno 6 e 7
Radici a gogò

Tieni per ultimi quei frutti e ortaggi che durano di più come le radici: sedano rapa, carote, cavolo rapa e le rape, ma anche la zucca, l’aglio, la cipolla, lo scalogno. Come frutti invece quelli che durano di più sono mela, pera e gli agrumi.

Naturalmente sono consigli generali che potrebbero avere delle eccezioni perché l’effettiva durata di un alimento dipende anche dai giorni trascorsi dal raccolto, dalla corretta conservazione (es. posizione in frigorifero, se protetto o all’aria) e soprattutto se il prodotto è ancora intero o tagliato.
La zucca ad esempio se intera si conserva anche più di 10 giorni mentre una volta tagliata è meglio consumarla entro 4 giorni. Queste indicazioni non vogliono essere un invito a sprecare il cibo se non viene consumato in tempo ma piuttosto uno stimolo a pianificarne in tempo l’uso per prepararli e gustarli quando sono ancora al massimo del gusto e delle loro proprietà.

Il segreto è, come sempre, non sprecare!

Te lo dice Lisa Casali